Pasqua Corsa in Rusiu 

(Petru Rocchi)

Sentu sunà e campane

Quelle di u me paesolu

Rivenute da Roma sta mane

Dopu tre ghiorni di dolu.

Sunate sunate campane

A rompe u battagliolu

Ci portanu a bona nutrizia

Di u Cristu ressusscitatu

Messu in croce da à milizia

E da Caïffu cundannatu

Abandunatu da à justizia

Di u Signor’Ponziu Pilatu

Chi per paura o per malizia

E mani sin’é lavatu

Oghie a justizia divina

Face dirittu a l’innucente

Averte chi sopra l’omi

C’é una forza più pudente

Cécu é ch’un vole vède !

Sordu é ch’un vole sente !

Ma quandu l’ora sunerà

Sara troppu tardi ô giente

In ogni paese e cità

Sona e canta l’Alleluia

Pe’ a santa resurrezione

Celebrata in allegria

A Gioia e a devuzione

So in perfetta armonia.

In ogni chiesa e fucone

So Pater Nostri e Ave Maria

Dopu a festa spirituale

Prestu tuttu e preparatu

Pe a festa curpurale

Induve ognunu é invitatu

Per mangnà l’ovu pasquale

Cun’ Merre, Maestru e Curatu

U « Triumviratu » tradiziunale

D’ogni paesolu amatu

Finita a merendella

E l’ora di e distrazioni

Di a celebre paghiella

Di i balli e di i soni

Di canzona a più bella

E di l’impruvisazioni

Di fritelle, migliacci e vinu

Di ghitara a di viulinu